La Comunità Cabriniana

 < Storia
La Comunità Cabriniana

La Comunità Cabriniana

“Se il Cuore di Gesù mi concede i mezzi per costruire un bastimento, sul mare allora, fondo la “nave Cristoforo”, (portatrice di Cristo) e giro tutti i mari con una Comunità, piccola o grande, per andare a portare il nome di Gesù Cristo a tutti i popoli che ancora non lo conoscono o lo hanno dimenticato”
(Viaggi,pag. 25)
           
Il nucleo fondamentale del messaggio di Madre Cabrini si sviluppa tutto nell’azione evangelizzatrice dell’annuncio dell’Amore del Cuore di Dio all’umanità che non conosce la Buona Notizia della Redenzione. Per fare questo Madre Cabrini  cerca di leggere e discernere negli avvenimenti il grido dell’umanità sofferente e  risponde, in obbedienza a Dio e alla Chiesa con quei mezzi che la Provvidenza dispone coinvolgendo uomini e donne di buona volontà al progetto di Dio che diventerà il suo. Convinta che l’Amore ha una forza trasformatrice, si impegna a far esperimentare questo Amore attraverso la concretezza delle opere nelle quali trasfonde i criteri del Vangelo. Per questo entrando nel mondo delle istituzioni come Scuole, Ospedali, Orfanotrofi, Dispensari e centri di accoglienza, parrocchie e quartieri emarginati, case di riposo, propone una pedagogia dell’amore, dell’umanizzazione, dei diritti della vita e della persona, della giustizia e della pace.
Alle Missionarie affida il compito di essere quel lievito nella massa di cui parla il Vangelo e ai Laici che sempre collaborarono con le Missionarie, il ruolo di penetrare con esse, negli ambiti della cultura e della professionalità per promuovere una società più giusta e fraterna.
La Famiglia Cabriniana oggi, Suore Missionarie e Laici, continua a sviluppare in modo dinamico e attento alle esigenze dei tempi, questo messaggio cabriniano che trova inserimento in contesti diversi ed in zone missionarie diverse.
All’impegno educativo nelle Scuole, all’assistenza e organizzazione negli Ospedali, nelle piccole e nelle grandi opere, si aggiungono impegni tra i bambini abbandonati, Comunità nelle periferie delle grandi città,  nelle zone emarginate e rurali, collaborazioni nei centri di accoglienza per esuli ed emigranti, nelle strutture per malati terminali, pastorale per le famiglie e gli anziani,  favorendo progetti di recupero per donne e per giovani e sostenendo iniziative a livello nazionale ed internazionale.
Particolare attenzione la Famiglia Cabriniana dedica all’attività missionaria laddove più difficili sono le condizioni di vita e di missione, creando una vasta rete di collaborazioni di professionisti, volontari, missionarie laiche che cercano di riproporre nell’ideale missionario cabriniano, lo spirito di solidarietà e di comunione internazionale.